venerdì 7 marzo 2014

Plum-cake marmorizzato

Il profumo di una torta che cuoce nel forno è uno dei piaceri della vita. E come si fa a finire una cena senza aver mangiato un dolcetto??? Che sia un biscotto o un pezzetto di cioccolato o una fetta di torta non importa. Basta che sia dolce. Questa volta chiudo la mia cena con un plum-cake marmorizzato molto delicato e di grande effetto. Questo plum-cake è buonissimo e potete prepararlo anche senza cacao e aromatizzarlo a piacere. Ai più golosi consiglio di accompagnarlo con una crema di nocciola o ganache al cioccolato. Oppure semplicemente inzupparlo mentre si beve un buon caffè. Insomma fate voi.





Ingredienti:

- 150 g di farina
- 150 g di zucchero
- 135 g di burro
-  50 g di cacao amaro
-  4 uova
- 1 bustina di lievito per dolci
- q.b. di latte
- un pizzico di sale

Preparazione:

Separate i tuorli dagli albumi. Lavorate i tuorli con lo zucchero fino a quando saranno gonfi. Sciogliete il burro a bagnomaria e versatelo sui tuorli lentamente. Aggiungete la farina,  il lievito e qualche cucchiaio di latte per avere un composto più morbido. Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.Prima di incorporare gli albumi dividete il composto in due porzioni, una delle quali leggermente più piccola e aggiungete il cacao.  A questo punto unite ai due composti gli albumi montate a neve con un cucchiaio di legno dal basso verso l'alto. Prendete uno stampo a forma di plum-cake . Ungetelo bene con il burro cospargetelo di farina.
Versare il composto chiaro, poi coprite con l'impasto a base di cacao. Cuocete la torta in forno a 180° per 30 min. Spolverizzate con zucchero a velo.

Fritto misto di pesce

Dopo un crostino con il salmone e uno spaghettino allo scoglio non poteva mancare che un bel fritto misto di pesce. Potete rendere questa frittura ancora più ricca unendo le capesante oppure dei bastoncini di zucchina.

Benché l’anni so’ tanti, nu me scordo
‘na via che me pareva un coridore
‘ndove, sur cantone, er friggitore
venneva li pezzetti a cinque un sordo.

U’ misto d’ojo fritto un po’ balordo
se spanneva dar drento l’ore e l’ore
ma ‘sti pezzetti avevano un sapore
che, là per là, ce diventavi ingordo.

Broccoli, gobbi, baccalà, patate
la gente li comprava a cartocciate.
Ah, come li risogno li pezzetti,
che era er mejo scialà da poveretti!





Ingredienti:

- 600 g gamberi
- 350 g di calamari
- olio per friggere
- sale

Preparazione:

Sciacquate i gamberi ed eliminate le teste. Pulite i calamari eliminando anche la cartilagine.Tagliateli ad anelli. Lavate e asciugate anche questi. E a piacere potete infarinarli per aumentare la croccantezza della preparazione prima di friggere.
Versate abbondante olio in una padella e scaldatelo senza però portarlo al punto di fumo. Versate i gamberi e lasciateli cuocere fino a farli dorare. Sgocciolateli con una paletta e disponeteli su carta assorbente. Friggete ora gli anelli di calamaro separatamente. Sgocciolate anche questi e disponeteli su carta da cucina. Quando avrete cotto tutti i pesci e dopo averli per bene passati su carta da cucina per eliminare l'unto in eccesso trasferite il fritto su un piatto da portata  ricoperto con un foglio di carta per fritti. Salate e guarnite a piacere con spicchi di limone e servito subito. Il fritto va mangiato caldo.





Spaghetti allo scoglio in bianco

Dopo un antipastino sfizioso è il momento del primo. Che ne dite di un bel piatto di spaghetti allo scoglio??? Le cozze sono i frutti di mare più saporiti. Vi indico un trucchetto che la mia mamma mi ha insegnato per controllare la freschezza delle cozze stesse. Mettetele in una grossa pentola o nel lavello con abbondante acqua: quelle conservate meglio affonderanno subito, mentre le cozze che hanno più sofferte galleggeranno in superficie.






Ingredienti:

- 400 g di spaghetti
- 500 g di cozze
- 300 g di vongole
- aglio
- peperoncino
-olio extravergine d'oliva
-prezzemolo
-sale &pepe

Preparazione:

Pulite e lavate cozze e vongole, mettetele in un tegame su fuoco vivace con 2 peperoncini e uno spicchio d'aglio e fatele aprire, mescolandole di tanto in tanto. 
Private una buona parte del guscio e filtrate accuratamente il liquido di cottura.
Versate in un tegame 3 cucchiai d'olio e fate imbiondire l'aglio e i peperoncini. Aggiungete il prezzemolo tritato e i molluschi, salate e cuocete a fuoco vivo, mescolando per qualche minuto.
Spegnete e tenete in caldo. Lessate la pasta, scolatela al dente e versatela nel tegame. Unite il liquido dei molluschi filtrato e fate saltare sempre a fuoco vivo per qualche minuto. Servite subito.




Crostino affumicato

C'è chi come ha la fortuna di nascere e di vivere vicino al mare. Una fortuna immensa per tanti motivi tra cui quella di mangiare pesce e siccome oggi è venerdì cuciniamo un crostino con uova e salmone per iniziare...Questo crostino può essere arricchito da tanti ingredienti diversi mantenendo la base di pane e uovo. Potete variare per esempio con pesce spada affumicato, tonno affumicato oppure sbizzarrirvi includendo uova di pesce.




Ingredienti:

- 2 fette di pane casareccio
- 60 g salmone affumicato
- 10 g burro
- 3 uova
- 1 cucchiaio di panna
- sale & pepe

Preparazione

Sgusciate le uova in una ciotola senza sbatterle. Fate fondere il burro in una padella e quando sarà caldo, versate le uova, la panna e salate leggermente. Cominciare a mescolare con un cucchiaio di legno in modo da amalgamare gli albumi e i tuorli. Cuocete a fiamma medio-bassa per 5 minuti fino a ottenere un composto cremoso, continuando a mescolare.
Disponete le fette di pane sul piano di lavoro e mettete sopra le uova cremose. Completate con il salmone a fettine, spolverate con il pepe. Se volete potete prima passare il pane in forno per 5 minuti. Servite bene calde.

giovedì 6 marzo 2014

Crema di cannellini con gamberetti e germogli

Oh, non pensatemi di professione cuoca; né da mane a sera fra pignatte e padelle ad almanaccare nuove pietanzine e piatti ricercati! Non pensatemi, insomma, né cuoca perfetta, né cuoca di grido ma soltanto (e come ognuna di voi, probabilmente), una qualunque donnetta di casa che in gioventù ha imparato a cucinare (come ognuna di voi avra' certo imparato) sotto la sola guida della sua mamma per poter fare, così, liete sorprese mangerecce al papà ed ai fratelli; che, sposa, ha voluto (come ognuna di voi avrà certo voluto) perfezionarsi alquanto tra i fornelli della propria cucina - cioè nel piccolo regno del quale ella è la Regina - per maggiormente approfondirsi nel ramo più... saggio e pratico della scienza femminile; e che, infine, ha esteso e sempre più estende (come ognuna di voi certamente) il campo del proprio sapere culinario per i suggerimenti, i consigli, e gli esempi che le vengono di continuo dati... da questa e da quella delle sue... tante e buone amiche! * * *(tratto da "ricette di Petronilla)

Grande come sempre Petronilla..l'adoro!!! Ma veniamo a noi. Oggi per iniziare vi propongo un antipasto sfizioso che potrebbe andare bene anche per un buffet in piedi... una crema di cannellini con gamberetti. La crema è la base di questa preparazione che unisce i gamberetti ai prodotti dell'orto. Se non vi piacciono i cannellini in scatola potete usare quelli secchi. Ricordatevi però di metterli in ammollo 12 ore prima di cucinarli. 







Ingredienti:

- 200 g di gamberetti
- 300 g di fagioli cannellini in scatola
- insalata riccia
- germogli di soia
- ravanelli
-erba cipollina
- 2 dl di brodo vegetale
- olio extravergine d'oliva
- sale e pepe


Preparazione:

Versare i fagioli nel mixer, unite il brodo e frullate fino a ottenere una crema liscia. Mondate i ravanelli e affettateli. Lavate l'insalata e spezzettatela con le mani. 
Sciacquate i gamberetti e sbollentateli per 2 minuti in acqua salata. Sgusciateli ed eliminare il filo nero. Sciacquate anche l'erba cipollina, asciugatela e tagliatela a pezzetti. 
Raccogliete i germogli, i gamberetti, l'erba cipollina e i ravanelli in una boul. Salate e condite con olio. Mettete la crema di cannellini in 4 bicchieri larghi e bassi, versate sopra l'insalata e servite.







mercoledì 5 marzo 2014

Polenta con il broccolo siciliano

Non potevo scegliere giorno migliore per ritornare...dopo settimane a mangiar dolci fritti di carnevale, oggi vi propongo una ricettina semplice semplice ma gustosa..."La Polenta con i broccoli"





La polenta è quell’intingolo,
quel boudin, quel caro impasto,
ch’imbandisce della tavola
l’antipasto od il pospasto;
anzi è il sol manicaretto
della gran rusticità,
e l’imbalsama a guazzetto
anche l’alta nobiltà.
di questa schiacciata
così delicata
si sazia, si pasce
con gusto e baldoria
il bimbo da fasce,
la vecchia barboja,
la donna da corte
e tutta la nobile
sdentata coorte,
che il pane non mastica,
o sol che la mollica
a forza di rumine.
i boschieri,
i pastori,
i barbieri,
i sartori,
i boari, i tapezzieri,
e oratori e giojellieri,
e i paffuti frati e i preti,
e gli squallidi poeti,
e cent’altri arti e mestieri
fanno a gara, vanno a josa
a ingojar la buttirosa.





Ingredienti:

- 1 kg di broccolo siciliano
- 375 g di farina di mais
- olio extra vergine d'oliva
- formaggio grattugiato
- sale & pepe

Preparazione:

Bollire i broccoli nell'acqua precedentemente portata a bollore. Regolare di sale. Una volta cotti toglierne una parte e aggiungere a pioggia la farina di mais mescolando bene. Continuare a mescolare per qualche minuti sempre nello stesso verso. Dopo 8 minuti la polenta è pronta. Servire su un piatto. Versare su ogni piatto i broccoletti messi da parte e spolverare con formaggio grattugiato.

sabato 22 febbraio 2014

work in progresss

buonasera a tutti voi dopo una lunga assenza vi annuncio che a breve torneró con tante ricette tutte da postare...nell'attesa vi lascio un assaggio...love v.

martedì 19 ottobre 2010

Bavette cacio e 'ovo

"Questo cacio l'è un peccato
che oggi ancor non sia onorato,
se la forma rimiriamo
ben perfetto lo troviamo.
Non vi parlo mie Signore,
del suo grato e bel sapore,
poichè noti a tutti quanti
son del cacio gusti e vanti:
è soave ed è mordace,
picca e molce e punge e piace.
Tutto è ver, ma il crederete
quando voi lo proverete."

Cosa cuciniamo quest'oggi per pranzo???? Due spaghi cacio e pepe??? Noooooo...e se aggiungessimo pure 2 uova???Come un tempo...pensate che era considerato anticamente un piatto dei poveri!!!!Ma pensa te...


Ingredienti


-500 g di bavette
-100 g di pecorino romano grattugiato
- 4 uova
-sale & pepe
-olio extra vergine d'oliva





Preparazione

Portare a bollare l'acqua e cuocere le bavette. Nel frattempo riscaldate una padella con un filo d'olio. Rompere le uova facendo attenzione che non si tocchino tra loro e che il giallo rimanga intatto. Salare e pepare. I bordi dell'uovo dovranno diventare croccanti e il giallo rimanere quasi completamente liquido. Scolare la pasta e tuffarvi sopra le uova e spolverizzate con il pecorino.


Questa ricetta partecipa alla raccolta :

http://notedicioccolato.blogspot.com/2010/09/un-uovo-per-amico.html

Tagliatelle ai funghi

Quel misterioso profumo di funghi
Porcini, finferli, mazzedi tamburo e tuttele varietà che offrono in questa stagione i boschi e i mercati. Per aprire i menùinvernali con un aroma prezioso e inconfondibile...




Ingredienti
-400 g di tagliatelle fresche
-500 g di funghi misti
- 1 cucchiaio di passata di pomodoro
- 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
- 40 g di robiola fresca
- 1 ciuffo di prezzemolo
- 1 rametto di maggiorana
- 1 spicchio di aglio
- 2 cucchiai di latte
- olio d'oliva extra
- 20 g di burro
- sale & pepe




viva la pasta

Preparazione

Pulite i funghi, strofinandoli delicatamente con un telo umido, per eliminare gli eventuali residui di terra e tagliateli a fette. In una padella scaldate abbondante olio con uno spicchio di aglio e peperoncino. Quando l'aglio sarà dorato eliminatelo ed aggiungete i funghi, salateli, pepateli e fateli cuocere a fuoco alto per 20 minuti circa. Unire metà prezzemolo e maggiorana tritati. Preparate la salsa al formaggio: frullate la robiola con la passata di pomodoro, metà del parmigiano e il latte; quindi salate la crema ottenuta e profumatela con una macinata di pepe.
Lessate in una capace pentola con abbondante acqua bollente e salta le pappardelle. Scolatele al dente e trasferitele nella padella con i funghi. Saltarli e conditele con la salsa mescolando e del burro. Spolverizzate con altro prezzemolo trito e servite.




Questa ricetta partecipa alla raccolta:
http://pandiramerino.blogspot.com/2010/09/il-mio-primo-contest-marios-mushroom.html

Crostata di mele

"...E' incredibile, ogni tanto succede che sentendo le note di una melodia o un rumore particolare, un certo odore o sapore di un cibo, ci si ritrovi immersi in un passato lontano...la mia nonna faceva la torta di mele più buona dell'universo"






Ingredienti

per la frolla:
-300 g di farina '00
-100 g di burro
-100 g di zucchero a velo
- 1 uovo
- 1 cucchiaio di marsala
- 1 bustina di lievito
- 1 pizzico di sale

per il ripieno:
-4 mele
-4 cucchiai di marsala
-4 cucchiai di zucchero
-50 g di amaretti sbriciolati
-2 cucchiai di marmellata di albicocche

per la copertura:
-2 uova intere
-60 g di zucchero
-65 g di amaretti sbriciolati
-15 g di fecola di patate
- 1 pizzico di sale
- 1 cucchiaio di marsala

Preparazione
Preparare la frolla e lasciarla riposare in frigo per 1 ora. Tagliare le mele e macerarle per un ora nello zucchero e liquore.
Stendere la frolla, bucarellarla e spalmare uno strato di marmellata e gli amaretti sbriciolati. Distribuite le mele tenute in macerazione e infornare a 170° per 15 minuti. Nel frattempo in una boul unire le 2 uova con lo zucchero, le farine, il liquore e il pizzico di sale. Amalgamare il tutto e versarlo sulla torta. Rinfornare a 180° per altri 10 o 15 minuti circa.












Partecipo al contest http://noidueincucina.blogspot.com/2010/09/la-nostra-prima-raccolta-il-tempo-delle.html